Onde vuole porre fine alle false rivendicazioni di velocità a catenaccio fasulle

Waves Enterprise vuole „separare la pula dal grano“ quando si tratta di velocizzare i reclami dalle reti a catena di blocco, aiutando i potenziali utenti a prendere decisioni consapevoli.

Waves Enterprise ha creato un framework per il test di carico delle reti a catena di blocchi in scenari reali, al fine di fornire una maggiore trasparenza ai potenziali clienti.

Il peccato originale

La capacità transazionale o la sua mancanza è stata una discussione molto controversa nel settore Immediate Edge quasi fin dall’inizio. La prima risposta nota a Satoshi Nakamoto che annuncia Bitcoin (BTC) è stata proprio su questo argomento:

„Abbiamo davvero, davvero tanto bisogno di un sistema di questo tipo, ma per come la intendo io, la sua proposta non sembra essere all’altezza delle dimensioni richieste“.

Da allora sono cambiate molte cose. Sono stati sviluppati molti protocolli di consenso alternativi, sono state costruite centinaia di catene di blocco pubbliche e autorizzate. Tuttavia, la questione della velocità e della capacità rimane sempre attuale. Molte di queste catene a blocchi di seconda e terza generazione sono molto più veloci di Bitcoin – o almeno, dicono di esserlo.

Le loro presunte velocità variano da poche migliaia a milioni di transazioni al secondo. L’ultima iniziativa di Waves Enterprise mira a stimare accuratamente la velocità di una catena di blocchi in vari scenari del mondo reale.

I clienti dovrebbero conoscere la verità

Artem Kalikhov, chief product officer di Waves Enterprise, ha detto a Cointelegraph Waves Enterprises stessa è stata ferita da affermazioni non verificate dei loro concorrenti, che promettono velocità più elevate. Si ritiene inoltre che queste affermazioni non veritiere ostacolino l’adozione. L’obiettivo a lungo termine di questa iniziativa è quello di trasmettere ai potenziali clienti che quando si confrontano diverse catene di blocco, non si può fare affidamento su affermazioni infondate e si deve invece testare in condizioni che si avvicinano alla vita reale:

„Spesso queste piattaforme possono fornire risultati che sono stati raggiunti in condizioni che non sono simili al caso d’uso del cliente; e stiamo cercando di trasmettere che loro [i clienti], dovrebbero prima di tutto capire come la capacità transazionale dichiarata sarà influenzata dal loro caso d’uso. Per esempio, diciamo che essi sostengono che si tratti di 300 transazioni al secondo, ma sono queste transazioni a 300 byte o stiamo trasmettendo dati criptati che devono essere decriptati e criptati, questo creerà uno stress completamente diverso per la rete“.

Kalikhov si rende conto che è improbabile che le catene a blocchi che consapevolmente fanno affermazioni non realistiche utilizzino il framework che Waves Enterprise ha sviluppato. Tuttavia, egli spera che se i potenziali utenti di questa tecnologia inizieranno a richiedere test realistici, le cose cambieranno.

Metriche più realistiche dovrebbero aiutare la tecnologia delle blockchain a trovare una maggiore adozione nello spazio aziendale.